Il Nuovo Presidente degli Stati Uniti d’America: Obama Video

il nuovo presidente americanoChi vincerà le elezioni americane?

Update: OBAMA é stato rieletto, lo stesso Presidente lo ha dichiarato con il tweet più ritwittato della storia.


La sfida Obama-Romney è iniziata da un pezzo, e i sondaggi Obama-Romney li danno alla pari, in pratica: 47% contro 47% a fine giugno, ma ora Obama è in vantaggio di qualche punto, ma su questa pagina terremo un aggiornamento sui nuovi sondaggi, per lo meno quando l’elettorato americano sposterà significativamente questo dato.

Sondaggi elezioni presidenziali americane 2012 aggiornati:

  1. fine Giugno: sono alla pari, 47% a 47%
  2. 10/08 Obama, ad oggi é in vantaggio di 7 punti
  3. 12/08 Obama è in vantaggio di 4,6 punti
  4. 16/08 Romney supera Obama, 47% a 45% (fonte: gallup.com) forse ha inciso l’annuncio del nuovo vice, Paul Ryan, che affiancherà il candidato repubblicano.
  5. 17/09 riacquista fiducia l’attuale Presidente: Obama 48% Romney 46% . Ora è scoppiata anche una crisi cino-giapponese e la politica estera e i programmi di politica estera, da sempre sono una carta importante da giocare per un candidato alla presidenza degli States…
  6. 24/09 Obama supera Romney 48% Obama 46% Romney. Dopo la recente gaffe di Momney, in cui è stato sentito affermare che “i ceti più bassi non pagano le tasse e si sentono vittime“, com’era prevedibile, il candidato del partito repubblicano ha perso parecchio tra i moderanti (anche se un pò meno rispetto quello che sostenevano gli esperti).
  7. 05/10/2012: Romney/Obama 51 % a 49%. Dopo il primo faccia a faccia in Tv, avvenuto l’altro ieri, in cui Romney ha attaccato duramente il Presidente in carica, i sondaggi danno Romney in forte risalita. Obama non é mai stato un grande interlocutore nei faccia a faccia e Romney l’ha attaccato duramente su: economia, sanità e tasse. Il Presidente si é praticamente solo difeso. Ricordiamo che i faccia a faccia per le elezioni Presidenziali sono da sempre molto importanti. Alcuni analisti però, dicono che la vittoria di Obama sia quasi certa. 
  8. 8/09/2012: i candidati sono ora pari 45% a 45%, secondo un sondaggio fatto da Ipsos/Reuters 
  9. 6/10/2012 proprio in queste ore c’è lo spoglio delle schede, i sondaggi? danno l’incertezza più assoluta, gli exit poll infattti non riescono ad avere un ampio margine di vittoria nè per Romney nè per Obama, ma sembra che il Presidente uscente sia quello più favorito.    

Come si svolgerà lo spoglio ( Ora italiana )

 

  1. ORE 12.00 (MARTEDI’) Apertura primi seggi East Coast
  2. ORE 15.00 Apertura ultimi seggi West Coast
  3. ORE 1.00 (MERCOLEDI’) Primi exit poll tra cui la Virginia
  4. ORE 1.30 Exit Poll Ohio
  5. ORE 2.00 Exit Poll Florida, Pennsylvania, N.Hampshire. Da questo momento, un possibile annuncio della vittoria di chi??
  6. ORE 3.00 Exit Poll Wisconsin, New York
  7. ORE 4.00 Exit Poll Iowa e Nevada
  8. ORE 5.00 Exit Poll Stato New York e West Coast

obama ha vinto

Sopra: quando ormai gli spogli si stanno avviando a chiarire la situazione, é uso che chi vince faccia la dichiarazione di vittoria.


A destra: questo è il tweet più ritwittato della storia; Barak obama dichiara la vittoria con un tweet Obama ha scelto proprio i social network, in questo caso twitter, per dichiarare la propria vittoria alle presidenziali 2012:

Gli esperti, dicono che il candidato che avrà un vantaggio ad ottobre, vincerà le presidenziali.

A Noi cosa importa delle elezioni presidenziali americane?

Ecco il Potere del Presidente degli Stati Uniti in un documentario,  come tutti sanno è grande, anche se dai tempi di John Kennedy e del suo omicidio, un Presidente americano difficilmente va contro i poteri forti, anzi, in pratica non ci va proprio, visto quello che è successo a Dallas nel 1963.

Tra le inchieste sull’America, certamente questa è una delle più impegnative, ma la Nostra opinione, deriva dal principale fattore che scuote gli animi americani.

Ecco i 4 più importanti fattori per l’elezione del Presidente americano

  1. Il grosso della crisi dell’ economia americana è ormai passato, e i dati economici, anche se ancora sono lontanto dal considerarsi buoni, sono di piccola ripresa, si vendono più macchine rispetto l’anno scorso, la disoccupazione è diminuita, ma tutto questo al cittadino americano non basta, la grande crisi economica è iniziata pochi mesi prima del mandato di Obama e questo lo fa percepire come perdente, e vorrà qualcosa di più, e i poteri forti, cioè le grandi multinazionali vorranno iniziare ad avere più sgravi fiscali, ed appoggeranno maggiormente i repubblicani rispetto ai democratici.
  2. A questa va aggiuta la componente elettorato cristiano, intesa come i predicatori anglicani, cattolici e protestanti in genere che daranno una enorme mano a Romney.
  3. Ovviamente dalla parte di Obama rimane il numero di cittadini americani immigrati,  ispanici e di colore, che costituiscono la base elettorale dell’attuale Presidente, e che sono diventati, proprio da quest’anno la maggioranza nel paese.
  4. Le astensioni: da non sottovalutare le persone che non voteranno, nelle scorse presidenziali, Obama è riuscito a ‘smuovere’ e far uscire di casa migliaia di cittadini aventi diritto al voto che ormai da anni non si recavano alle urne, che sono stati molto importanti per la sua elezione a Presidente degli States, inoltre non bisogna scordarsi di OccupyWallStreet, le manifestazioni in tutta America di fine 2011, che hanno dimostrato che parte dell’ex-elettorato di Obama, non si fida più delle istituzioni in generale, ormai troppo inquinate dagli affari, e che difficilmente andranno a votare.

CHI E’ MITT ROMNEY:

  1. Data di nascita: Detroit, 1942;
  2. Famiglia: mormone, il padre ex-governatorre del Michigan, è il minore di 4 fratelli, 2 femmine ed 1 maschio;
  3. Religione: è un cristiano mormone, della cosidetta Chiesa mormone, servì in una missione in Francia per 8 mesi.
  4. Formazione: Romney dopo la laurea, ha frequentato ad Harvard un master in Business Administration, conseguendo il massimo dei voti
  5. Lavoro: ha lavorato per 10 anni in una società di consulenze per aziende.
  6. Scandali: 1968: Romney, durante la missione con la propria chiesa in Francia, guidava una macchina insieme a degli amici mormoni quando fece un frontale, e perse la vita un suo confratello – Tasse: è accusato dai suoi avversari politici di non aver pagato le tasse per 10 anni, dato che secondo chi lo accusa è avvalorato dal fatto che ha reso pubblica la propria dichiarazione dei redditi solo dello scorso anno.

Le preoccupazioni internazionali per queste elezioni:

Abbiamo voluto postare questo video perchè, nel mondo la più grande preoccupazione rispetto la politica estera del Presidente americano è proprio questa: cosa farà il nuovo Presidente? La politica militare aggressiva degli Usa, nonostante ancora molti credano che sia  il contrario, cioè una politica di difesa, compresi gli stessi cittadini americani,  è più che evidente, dalla fine della seconda guerra mondiale l’america si è occupata di quasi tutte le crisi militari del mondo, o in prima persona o con consiglieri militari o tramite il cavallo di troia dell’Onu o la Nato, ha portato a lo stato perenne di guerra dell’America, con poche pause, che ormai dura da oltre 70 anni fino ad oggi:  

  • IIa guerra mondiale,
  • Corea 
  • Vietnam
  • Afghanistan (anni ’80) alle
  • Guerre d’Africa 
  • Rivoluzioni e colpi di stato in sud-america, e centro-america, ai colpi di stato in mezzo mondo, 
  • Guerra fredda,
  • Somalia,
  • Kosovo, 
  • Ex-jugoslavia,
  • Iraq,
  • Di nuovo Iraq,
  • Afghanistan – ora -…

Nel video sopra, il senatore repubblicano del Texas, il non-interventista Ron Paul parla al Congresso;  agosto 2012 –  Questo progetto di legge potrebbe essere felicemente chiamato Legge per l’Ossessione sull’Iran 2012 perché è quello che continuiamo a fare, ossessionarci per l’Iran e l’idea che  sia una minaccia alla Nostra sicurezza nazionale….

 

elezioni americane 2012

In tutto questo, non va scordato il grande peso dei personaggi pubblici che appoggiano i candidati, come questa abbondante attrice e sopra, Clint Eastwood, bisogna ricordare che la maggior parte di Hollywood sta dalla parte di Obama, finora…

 

obama vince le elezioni
Qui sopra: Obama ha avuto un grande appoggio dai personaggi pubblici dello spettacolo, uno di questi è stato l’americanissimo Bruce Springsteen, che ha suonato più volte ai comizio dell’attuale Presidente degli Stati Uniti.


APPROFONDIMENTI:

  1. Politica e Religione in America, inchiesta sui Cristiani Fondamentalisti Americani
  2. Economia Americana: la grande depressione economica, la più grande crisi americana di sempre
  3. La vera storia americana, per capire meglio lo spirito americano
  4. La storia del Ku Klux Klan, per capire lo spirito dei ‘gruppi etnici’ negli Usa, il loro orientamento politico, e perché
  5. Guerra contro l’Iran – capire se la guerra contro l’Iran sarà un’altro problema o la soluzione dei problemi economici americani
  6. L’uomo più ricco d’America, un interessante documentario su uno dei primi capitalisti americani, il prototipo del capitalista americano.


Il Nuovo Presidente degli Stati Uniti d’America: Obama Videoultima modifica: 2012-08-10T17:53:00+00:00da blogmaster70
Reposta per primo quest’articolo