Storia d’Italia: il colonialismo e la prima guerra mondiale documentario

Storia d'Italia: il colonialismo e la prima guerra mondialeL’Italia si alleò con la Germania ben prima del fascismo e iniziò il suo colonialismo ben prima del fascismo.

Se queste cose si studiano nei banchi di scuola, difficilmente vengono ricordate se non dai specialisti di storia.

La memoria storica di questo paese a volte sembra essere di comodo.

La Triplice alleanza fu fatta dal Regno d’Italia con Germania ed Austria nel 1882 , cosa che influenzò profondamente la politica interna del Nostro paese, facendoci entrare in un bècero conservatorismo molto simili a quelli di Bismark, molto utile alla classe borghese, aristocratica e dei grandi padroni ( come si chiamavano una volta), nonchè cercò di far avere un’espansione dell’industria pesante, cosa che in questo paese con il tempo puntualmente fallisce, visto che non abbiamo le materie prime. 

Altro capitolo è quello del colonialismo: 

Le grandi nazioni erano tali perchè avevano le colonie: l’esempio dell’Inghilterra elisabettiana era ben chiaro ed il fatto che i Nostri alleati tedeschi, di cui Noi eravamo piuttosto succubi politicamente ( Vi ricorda qualcosa?) avevano già iniziato una politica coloniale in Africa, fece sì che le Nostre mire espansionistiche si diressero verso il continente nero.

 

Il Colonialismo italiano in Africa iniziò nel 1884, quando il governo italiano acquistò dall’armatore Rubattino, il porto di Assab (Eritrea) sul mar Rosso. Contemporaneamente l’Italia ottenne il permesso dagli inglesi di occupare Massaua, in quel momento presidiata da una piccola guarnigione di egiziani. Nel 1885, i nostri primi soldati, un battaglione di bersaglieri giunse in Africa. L’Italia iniziò a consolidare il suo primo piccolo possedimento occupando l’entroterra di Massaua, ma venne contrastata dai guerrieri etiopici del Negus Giovanni ed il 27 gennaio 1887 diecimila etiopici massacrarono 500 nostri soldati presso Dogali. Verso la fine dell’anno il primo ministro Crispi inviò a Massaua 20mila uomini sotto il comando del generale Baldissera che riuscì senza trovare grandi resistenze ad occupare Asmara e Cheren. Nel frattempo venne creato il Corpo degli Ascari eritrei, fedeli soldati che combatteranno valorosamente a fianco delle nostre truppe sino al 1942, quando l’Italia perderà tutte le colonie. Nel 1890, tutti i territori occupati dall’Italia presero il nome di colonia Eritrea. Nel 1894-95 ripresero le ostilità e vi furono le vittorie di Agordat e Cassala, ma nel 1896 avvenne la bruciante sconfitta di Adua, dove 12mila italiani e 4mila ascari, comandati dal generale Barattieri, furono annientati con altissime perdite da circa 100mila etiopici

Il fallimento delle campagne di Libia e nel corno d’Afica ( in una battaglia morirono quasi 20.000 soldati italiani) però la dicevano lunga sulla Nostra preparazione militare .

Ecco allora questo bel documentario di storia di quasi 2h dell’Istituto Luce, molto interessante. 

Storia d’Italia: il colonialismo e la prima guerra mondiale documentarioultima modifica: 2013-04-21T08:26:12+00:00da blogmaster70
Reposta per primo quest’articolo